IL FESTIVAL DI SANREMO: la più grande rappresentazione della musica italiana.

Da pochi giorni si è ormai concluso l’evento che riunisce le famiglie italiane e non solo, davanti al piccolo schermo da ormai ben 72 anni! Il Festival di Sanremo anche quest’anno ha portato un po’ di spensieratezza per cinque serate consecutive, riuscendo a mettere d’accordo tre generazioni completamente differenti grazie all’aiuto del conduttore Amadeus che ha preso il timone della rappresentazione canora per la terza volta consecutiva. Ma cosa è successo durante queste sere? 

Abbiamo visto diversi ospiti come: i Måneskin, che sono stati i vincitori lo scorso anno e che, dopo la vittoria all’Eurovision, hanno infuocato i palchi di tutto il mondo con il loro rock; i Meduza, tre giovani dj italiani che hanno fatto ballare intere nazioni con la loro musica elettronica, in particolare con “Tell It To My Heart”; il cantautore italiano, Cesare Cremonini, che ha coinvolto più generazioni con la sua musica e i suoi testi poetici, ma ha fatto anche scatenare l’Ariston con il tormentone dei Lùna Pop “50 special”; Fioerello, showman e spalla di Amadeus per i primi suoi due Festival, ha regalato un sorriso al pubblico durante la prima serata, passando successivamente il testimone al nostro conterraneo Checco Zalone, recordman da botteghino, che tratta tematiche di attualità nei suoi film cercando di dare un insegnamento attraverso il suo umorismo.

Le 25 canzoni in gara stanno riscontrando parecchio successo nelle radio e sulle piattaforme digitali musicali; ormai, canzoni come: “Ciao ciao” della Rappresentante Di Lista, “Farfalle” di Sangiovanni, “Dove si balla” di Dargen D’Amico, “Ovunque sarai” di Irama, sono diventati dei veri e propri tormentoni, nonostante non si siano piazzate sul podio, conquistato, invece, da Morandi con “Apri tutte le porte” al terzo posto, Elisa con  “O forse sei tu” al secondo e Mahmood e Blanco al primo, pronti a portare “Brividi”, la canzone con più successo di Sanremo 2022, all’Eurovision Song Contest, che quest’anno si terrà proprio in Italia, precisamente a Torino con la conduzione di Laura Pausini, Mika e Alessandro Cattelan, annunciata durante una delle serate sanremesi. 

Ma Sanremo 2022 è stato accompagnato da un’altra competizione che ha unito noi fans con gli artisti: il FantaSanremo è stato un fenomeno virale! Gioco ispirato al Fantacalcio. Ma in che cosa consiste? Ognuno ha una squadra composta da 5 artisti che si può comporre grazie a un budget di 100 Baudi (moneta dedicata al celebre conduttore); durante le serate sono stati assegnati bonus o malus in base alle azioni compiute dai cantanti sul palco, infatti spesso gli artisti hanno citato il nome del gioco sul palco, o quello di Mara Venier ( ” Ciao zia Mara!”) o quello di Papalina, proprietario del bar dove ha avuto inizio il progetto, proprio per far guadagnare punti ai fans che li hanno messi in squadra.

I giochi da poco si sono conclusi, ma viviamo già in funzione del prossimo Festival, aspettando il nominativo del nuovo conduttore o la conferma di Amadeus.

Ida Nicole Nitti

CICLONE CHECCO A SANREMO

Luca Pasquale Medici, nome d’arte di Checco Zalone,  è nato a Bari il 3 giugno 1977 ed è un comico,  attore,  musicista, sceneggiatore, cantautore e regista, famoso per le sue mitiche battute e amato da giovani e adulti.

La simpatia di Checco arriva a tutti attraverso i suoi film (da “Cado dalle nubi” a “Tolo Tolo” sono stati un crescendo di successo), le sue canzoni (quante risate ci siamo fatti con Angela, Immigrato, L’immunità di gregge, La vacinada), il suo modo di essere: semplice, alla portata di tutti, ma, a ben guardare, sempre carico di riflessioni e messaggi importanti.

Mercoledì 2 febbraio, Checco Zalone si è esibito sul palco dell’Ariston, insieme ad Amadeus, lo straordinario conduttore del programma, e, come al solito, è stato un vero ciclone!

Ha parlato del Covid con ironia e allegria e ci ha aiutato, ancora una volta, a guardare la realtà con spirito critico, ma senza intristirci.

Il suo personaggio, il cozzalone che può sembrare rozzo e sempliciotto, in realtà è tutt’altro, e anche sul palco dell’Ariston il nostro Checco ha mostrato a tutti che la sua comicità è frutto di riflessione e conoscenza.

A me piace davvero tanto!! 

Mi ha colpito l’intervista nella quale ha parlato di come sua zia lo abbia sempre incoraggiato a laurearsi per cercare di iniziare la carriera di magistrato e di come lui, pur essendosi laureato, abbia sempre continuato ad inseguire il suo sogno: fare spettacolo e far ridere. 

Inseguire i sogni fino a raggiungerli: EVVIVA CHECCO!!

Alessia Romito