LA LUNA DI KIEV

Le parole di Gianni Rodari nella poesia “ La luna di Kiev” sembrano essere state scritte apposta per i nostri giorni.                                                                                              La luna che noi guardiamo è la stessa che illumina le notti di tutti, da Roma a Kiev.   I suoi raggi viaggiano “senza passaporto”, senza incontrare confini o barriere.                 Siamo tutti sotto lo stesso cielo, eppure a Kiev sono notti di bombardamenti.                  In Ucraina ci sono notti di terrore e paura, soprattutto per i bambini che devono assistere a morte e distruzione, obbligati a lasciare le loro case, scuole e a perdere i loro cari.  Migliaia di bambini sono stati nascosti sottoterra dai loro genitori per sfuggire alle bombe lanciate dai russi. Sono al buio e senz’acqua, non sentono niente se non i suoni delle bombe.

A me tutto questo mette ansia e paura, soprattutto se penso che questa guerra potrebbe arrivare anche in Italia.                                                                                               Ho paura di dover vivere le scene che ora guardo ogni giorno al telegiornale.                Ho paura per me e per le persone a cui voglio bene.                                                             Tutto questo è ingiusto. Io penso che le guerre non abbiano senso.                                    Come scrive Gianni Rodari nella sua poesia, in cui sembra proprio la luna a parlare, anche se abitiamo in posti diversi, facciamo parte dello stesso pianeta.

Christian Lumino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.