Categoria: Ragazzi

IL PRIMO PREMIO DEL CONCORSO “UN LOGO PER LA SOLIDARIETA'”

È bello disegnare! A scuola durante l’ora di Arte e Immagine cerchiamo di dare il meglio di noi e, quando ci offrono un’occasione per mostrare i nostri disegni, perché non usarla?

Ed ecco che è arrivata una nuova opportunità: mercoledì 15 maggio 2024, infatti, noi alunni della classe 2D dell’Istituto comprensivo “N. Zingarelli” di Bari, insieme ai ragazzi di altre classi della nostra scuola e ad alunni degli istituti “Massari Galilei”, e “Preziosissimo Sangue”, abbiamo partecipato, presso l’auditorium del “Villaggio del Fanciullo”, alla premiazione del concorso: “Un logo per la solidarietà” nell’ambito del progetto chiamato R.A.D.I.C.I. (Raccogliere, Distribuire, Curare Insieme). Tale progetto ha lo scopo di sensibilizzare noi ragazzi sui temi della solidarietà.…

Leggi tutto

UN SENTIMENTO ROSSO COME IL FUOCO

Per me la rabbia è un posto buio che a tratti si accende come se ci fosse un’illuminazione che proviene dal fuoco.

Quando “mi arrabbio” sento proprio un fuoco dentro di me che mi fa sentire come un enorme drago. Non so se succede solo a me, ma associo ogni cosa a un colore. Che sia un nome, una materia o anche un’emozione, io la rabbia la immagino ROSSA.

Non so se il mio immaginare le emozioni colorate sia contagiato dal film Inside Out, ma quando vedo una cosa rossa sento la rabbia.

Immagino questa emozione come una cosa rumorosa: quando la provo, infatti, comincio a parlare senza riuscire a fermarmi.…

Leggi tutto

LIBRI AL BUIO ANCHE AGLI SCOUT

Ciao sono Vittoria, ho 13 anni e sono scout.

Si, quando mi presento a qualcuno dico anche questo, perché essere scout fa parte della mia vita e in qualche modo mi rappresenta.

Faccio parte del gruppo Bari 4 (Agesci) di Sant’Andrea e sono nel reparto femminile; per chi non sapesse cosa è un reparto scout, si tratta di un gruppo di ragazzi dai 12 ai 16 anni che svolgono tante attività insieme. Se ci pensate, si tratta proprio degli anni dell’adolescenza nei quali i ragazzi cambiano e capiscono chi sono: per questo l’esperienza degli scout aiuta moltissimo…

Per chi non lo sapesse, noi scout ci autofinanziamo per poter svolgere le nostre attività, come ad esempio, il campo estivo di 14 giorni per il quale ci servono tende, cibo e attrezzi per la sopravvivenza in un bosco.…

Leggi tutto

Riflessioni sugli stereotipi di genere

Quest’anno in classe abbiamo letto Il libro “Mi piace Spiderman… e allora?” di Giorgia Vezzoli. Racconta la storia di una bambina di sei anni, che per il suo primo giorno di scuola sceglie uno zaino di Spiderman, il suo supereroe preferito, andando incontro alle risate e ai commenti pungenti e sgradevoli dei suoi compagni di classe e non solo…

Sostenuta dai suoi genitori, insegnerá a tutti noi che non si è mai troppo piccoli per combattere i pregiudizi.

Il libro è scorrevole in quanto è indirizzato ad un pubblico di bambini, ed è ricco di illustrazioni di Massimiliano Di Lauro molto accattivanti per la scelta dei colori vivaci e per la grafica lineare.…

Leggi tutto

Un’esperienza unica! 

Qualche mese fa la mia professoressa mi ha proposto di partecipare a un’iniziativa di promozione della lettura e io, entusiasta, ho pensato di accettare l’invito. Il progetto, curato da una libreria della mia città, è intitolato “Leggilo” ed è rivolto agli adolescenti che come me amano la lettura.

Ho deciso di partecipare per fare nuove esperienze e per confrontarmi con dei miei coetanei su generi e temi di libri che da sola non avrei mai pensato di leggere, perché sono fermamente convinta che, nel rapporto con gli altri, nasce la possibilità di crearmi una mia opinione e imparare a esprimerla.

Finora ho preso parte a diversi incontri e ho avuto l’occasione sia di presentare personalmente i libri che mi sono piaciuti particolarmente sia di conoscere la trama di altri.…

Leggi tutto

“Costruire un’altra bellezza è l’unica strada per una pace vera”

Alessandro Baricco, riscrivendo l’Iliade dal punto di vista dei personaggi che ne sono protagonisti, afferma che la guerra “è stata per gli uomini la circostanza in cui l’intensità e la bellezza della vita si sprigionano”, ecco perché è stata sempre molto praticata. Egli afferma che “solo quando saremo capaci di un’altra bellezza potremo fare a meno di quella che la guerra sempre ci offre. Costruire un’altra bellezza è forse l’unica strada per una pace vera”.

Per me la guerra è al contrario la circostanza in cui si sprigiona l’aspetto negativo di tutti gli uomini, anche se sono d’accordo sul fatto che per “esprimere intensità e bellezza della vita” ci sono numerosissimi altri modi.…

Leggi tutto

I ragazzi e lo sport: divertimento o frustrazione?

La società è caratterizzata da sempre dalla presenza di stereotipi che riguardano tanti aspetti della vita delle persone, grandi e piccole, e che condizionano le relazioni in maniera negativa.

Purtroppo ci sono tantissimi stereotipi anche nello sport: chi vuole fare la ballerina deve essere longilinea e non è insolito che una ragazzina robusta che frequenta un corso di danza non venga apprezzata dalla propria maestra che spesso è la prima ad evidenziare come la sua corporatura non sia adatta alla danza.

Se è la maestra per prima a creare uno svantaggio, capita spesso che le compagne non la accettino, considerandola “diversa” e anche ridendo di lei.…

Leggi tutto

Quanto è bello il 1 maggio barese!

ll 1 maggio è la festa dei lavoratori e a Bari si festeggia al Parco due giugno con una fantastica festa chiamata “Primo maggio barese”: c’è un grande palco dove si alternano musicisti che suonano, persone che condividono pensieri e parole che fanno riflettere sull’importanza di essere cittadini consapevoli e responsabilli. I presentatori erano l’attore barese Giuseppe Scoditti e Alessandro Antonacci delle LeZanZzare, entrambi molto simpatici e capaci di intrattenere alternando momenti di risate a momenti di riflessioni. 

L’atmosfera è molto allegra: alcuni portano con sé cibo e teli per stendersi a terra e godersi la giornata di sole, altri ballano, chiacchierano, fanno piccoli acquisti negli stand che espongono oggetti di artigianato e cibi di vario genere.…

Leggi tutto

Dal passato al futuro: quattro chiacchiere con due “veterani” della Zingarelli

Immaginate un normale giovedì e un normale incontro di redazione: noi ragazzi, dopo il pranzo tutti insieme, ci riuniamo nell’aula predisposta per il giornale, accendiamo i computer, ci distribuiamo i compiti da svolgere, cominciamo a lavorare agli articoli da pubblicare o ai copioni del podcast da scrivere e registrare… Niente di diverso dal solito. Ad un tratto entrano in aula un ragazzo e una ragazza, giovanissimi ma evidentemente più grandi di noi: chi sono? Si fermano sulla porta, ci guardano… poi incontrano lo sguardo della prof Capobianco, che si lancia verso di loro e li abbraccia commossa. Dopo i saluti e gli abbracci, finalmente il mistero è svelato: la prof ci presenta Claudio e Alice, due suoi ex alunni che ora hanno 21 anni e frequentano l’università.…

Leggi tutto

La mia migliore amica, mia mamma

Essere adolescente è un viaggio emozionante e complicato, ma ciò che rende tutto più facile è avere una madre incredibile al mio fianco. Il rapporto che ho con mia madre è veramente speciale, è come avere una migliore amica, una guida e un angelo custode tutto in una persona.

Mia madre non è solo la mia guida, ma anche la mia confidente. Posso parlare con lei di tutto, dalle piccole gioie quotidiane ai grandi dilemmi della vita. Mi ascolta sempre senza giudicare e mi offre sempre consigli saggi e amorevoli. Alcuni penseranno che questo sia strano: una figlia che non cerca aiuto dai suoi coetanei ma dalla propria madre?!…

Leggi tutto