THE WISH LIST 

 Capitolo 1

Esistono dei “centri” in tutte le città più importanti del mondo in cui ognuno, una volta compiuti quindici anni di età, può realizzare sette desideri; se non ci riesce entro il quindicesimo anno, può ritentare negli anni successivi, ma deve assolutamente raggiungere questo obiettivo! È un imperativo! 

Questa rivoluzionaria tecnologia è costituita da gazebi enormi con all’interno una scrivania ed un banale computer. Ognuno digita il proprio nome e compaiono sullo schermo le informazioni ad esso correlate. Per esprimere i desideri, bisogna collegarsi ad un dispositivo, accedere al sito e poi scrivere la lista dei 7 desideri. Questa possibilità di esprimere e realizzare dei desideri non è un’esclusiva della realtà virtuale, bensì qualcosa che ha sempre fatto parte della natura di tutti noi e che ora, grazie ai siti di internet, appare più accessibile. E se si è una persona a cui non piace star solo e che vuole sentire il proprio nome ogni 30 secondi, è possibile entrare a far parte di “gruppi” che sono delle vere e proprie comunità. Questi gruppi vengono gestiti dalla persona che è più esperta degli altri nell’utilizzare quella tecnologia. Molto spesso in uno stesso gruppo si aggregano persone che scelgono la stessa tipologia di desideri, come quello di diventare un fenomeno della musica oppure un artista eccellente. C’è chi esprime il desiderio di ottenere poteri rarissimi o un’ intelligenza al di sopra della norma. 

C’è un “gruppo” , quello gestito da Fritjof, che è ritenuto il più potente ed importante di tutti, perché al suo interno ci sono persone che hanno espresso desideri uno diverso dall’ altro. Nonostante i vari conflitti che tale eterogeneità determina, questo “gruppo” ha quasi la potenza di un impero. 

A me, impotente ma onnisciente narratrice, ha sempre fatto paura il gruppo di Fritjof, perché il suo gestore è una di quelle persone che brama infinito potere, insomma,  il solito cattivone di turno. 

Cari lettori, adesso che vi ho spiegato le caratteristiche base di questo mondo, posso passare la parola alla nostra protagonista.

                                                                                                       Giulia Ferrigni